Opinioni e consigli dei medici sulle allergie e trattamenti efficaci

Allergie cutanee o respiratorie, allergie alimentari o ambientali Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ci sono 400 e una persona su tre. Questo è il motivo per cui l’OMS classifica le allergie come la quarta patologia più comune al mondo. È probabile che questo grado aumenti poiché la prevalenza di allergie è aumentata costantemente negli ultimi 30 anni e l’OMS stima che il 50% dei francesi sarà allergico entro il 2050.

Oggi, questo termine generico sembra crescere e raccogliere sempre più sintomi e patologie man mano che nuovi prodotti arrivano nella nostra vita quotidiana, a volte portando a confusione. Un piccolo promemoria sulle allergie.

I sintomi

Caratterizzano una reazione anormale del sistema immunitario a un corpo estraneo, un allergene. Il corpo crea così una sostanza difensiva mobilitando anticorpi, per rispondere a questa intrusione estranea. Tuttavia, questa reazione è spesso eccessivamente sensibilizzata e sovradimensionata in relazione alla gravità e alla natura offensiva della sostanza estranea, e diventa disadattiva e persino patologica. Pertanto è anche chiamato ipersensibilità.

Questa reazione si manifesta in vari modi a seconda dell’organismo colpito. Un allergene non causa una reazione particolare, ma ogni persona è in grado di sviluppare uno o più sintomi diversi e con vari gradi di intensità. Questi sintomi raggruppano 4 categorie principali:

  1. Reazioni cutanee: prurito, irritazione, arrossamento, eruzione cutanea di brufoli o brufoli
  2. Reazioni respiratorie: tosse, difficoltà a respirare, respiro affannoso (sibilante), bronchi caricati, naso chiuso o che cola
  3. Reazioni gastriche: mal di stomaco, dolori addominali, vomito e diarrea
  4. Reazioni infiammatorie: edemi, lingua o labbra che si gonfiano, gonfiore e formicolio agli occhi, congiuntivite

Pertanto, fanno eco a quattro tipi principali di allergie:

  1. Allergie cutanee: eczema, orticaria, rash
  2. Allergie respiratorie: asma, rinite, sinusite
  3. Allergie alimentari
  4. Allergie da veleno di insetti

Le cause

È difficile trovare una risposta alla domanda perché sono allergico o perché alcune persone sono allergiche e altre no.

Cause allergiche C’è prima di tutto il fattore dell’ereditarietà. Se i tuoi genitori sono allergici, ci sono buone possibilità che li trasmettano tramite i geni.

A questo proposito, i bambini con un solo genitore allergico hanno il doppio delle probabilità di diventare così.

Questa predisposizione genetica è chiamata atopia, quindi hai un’allergia atopica.

In questo caso, è molto più probabile che sviluppiate molte allergie della stessa famiglia chiamate atopiche, che sono eczema e asma per la più conosciuta, ma anche rinite. Allo stesso modo, alcune allergie predispongono e sono esse stesse fattori aggravanti per altre allergie, come nel caso della rinite.

Tuttavia, l’ereditarietà non spiega tutto perché molte persone sono allergiche senza avere una storia familiare. La seconda famiglia di fattori è che gli allergeni presenti nell’ambiente e solitamente innocui, creeranno un’ipersensibilità in alcune persone. Questi fattori sono presenti nell’aria, nei tessuti e nei tessuti, negli alimenti …:

  • La muffa, la polvere sono elementi esterni che creano terreno fertile per lo sviluppo di allergie, specialmente nei bambini, come l’eczema
  • Polline (febbre da fieno), gli acari causano la rinite incluso
  • Animali domestici di peli e saliva (e noi capelli)
  • Gli acari (le loro feci microscopiche che si nascondono nella lettiera)
  • Cibo: arachidi, frutti di mare e pesce, noci, latte vaccino, uova, grano, soia, sesamo, solfiti
  • Farmaci e loro eccipienti
  • Metalli, cosmetici, prodotti per la casa, materiali (lattice)
  • I veleni di api e vespe, calabroni e calabroni

Cosa succede nel corpo di una persona che ha una reazione allergica?

Il tuo corpo ha, la prima volta che l’elemento estraneo è entrato nel tuo corpo, ha identificato questo elemento come un pericolo e costruisce le sue difese immunitarie per proteggersi mobilitando anticorpi chiamati IgE. È sensibilizzazione per l’allergene.

Ora, non appena questo allergene entra nel tuo corpo, il tuo corpo reagirà rilasciando i suoi anticorpi, in modo eccessivo e inadeguato. È la reazione allergica che si manifesterà nella maggior parte dei casi, tutta la vita.

In un certo senso, il tuo corpo, volendo proteggerti, ti esaurisce semplicemente e reagisce in modo inadeguato perché si difende da qualcosa di innocuo.

Mentre nella maggior parte dei casi questo è sicuro, alcune reazioni allergiche possono portare a complicazioni e, in altri casi rari, possono essere fatali.

Questo è il caso dell’asma in primo luogo, che quando si manifesta con gravi attacchi respiratori e soffocamento, richiede il ricovero in caso di emergenza. L’asma, ma anche qualsiasi altra reazione allergica, rischia di trasformarsi in una reazione anafilattica. È una reazione improvvisa e mobilita l’intero corpo della persona colpita, affetta da edema, difficoltà respiratoria, dolore al cuore e reazioni cutanee rosse.

Questi segni dovrebbero allertare e avvisare l’utente di aiutare immediatamente poiché possono progredire rapidamente allo shock anafilattico, manifestato da un calo della pressione sanguigna e perdita di coscienza, che può portare alla morte.

Prevenzione e trattamenti: cosa fare contro le allergie?

Come abbiamo visto, le cause rimangono poco chiare. Gli studi dimostrano che i bambini allattati al seno sono più protetti contro il rischio di sviluppare allergie, poiché il latte materno agisce come un agente protettivo naturale e migliora il sistema immunitario, che è desensibilizzato.

Innanzitutto, c’è la prevenzione dello sfratto. Se vuoi evitare di contrarre o hai già certe allergie, evita il contatto con questi allergeni. Comportamenti semplici possono evitare l’esposizione a questi allergeni. Arieggiare le case due volte al giorno e cambiare spesso la lettiera per evitare la proliferazione degli acari.

Allo stesso modo, l’aerazione previene la comparsa di funghi domestici, causando spesso allergie respiratorie e cutanee. Infine, evita di mangiare gli alimenti incriminati e abituati a leggere le etichette soprattutto per l’arachide e la soia, estremamente presenti sotto forma di tracce.

Poi ci sono i classici antistaminici e antinfiammatori come i corticosteroidi, misure a breve termine che mirano a ridurre i segni clinici di scatenare un’allergia. C’è anche la prevenzione sotto forma di trattamento, che può anche essere trattamenti di soccorso come Ventolin nel caso di asma, che è molto efficace. Anche per l’eczema, il trattamento del fondo e le creme per il sollievo sono utili come il locoide.

Le particelle allergeniche sono ovunque! La desensibilizzazione o immunoterapia per iniezione o per via orale, è una tecnica che mira ad abituare il corpo agli allergeni incriminati nella tua allergia.

Questa tecnica potrebbe rispondere perfettamente alla famosa frase di Sun Tzu “Conosci il tuo nemico e conosci te stesso” perché mira a insegnare al corpo a ricevere e conoscere il tuo nemico al fine di dispiegare le difese corrette. e necessario, senza esaurirsi o reagire in modo eccessivo.

Concretamente, le dosi dell’allergene (fase iniziale) vengono gradualmente iniettate fino al raggiungimento di un livello di tolleranza. Questa dose massima verrà quindi iniettata su base regolare (fase di mantenimento), al fine di ottenere dal corpo una cosiddetta risposta di desensibilizzazione dal corpo.

Come spiegare la crescita e la prevalenza delle allergie

La prevalenza di allergie è aumentata negli ultimi anni, raddoppiando in meno di 30 anni. Il caso di asma parla da solo dal momento che gli scienziati credono che i casi di persone asmatiche

Le cifre mostrano anche che i casi sono più comuni nei paesi industrializzati, dove si trova quasi il 50% delle persone allergiche.

Saremmo diventati troppo sensibili o il nostro ambiente è sempre più inquinato e aggressivo per noi? Ci sono tre tesi su questo argomento:

La tesi dell’igiene che consiste nel mettere in evidenza che i nostri ambienti oggi sterilizzati e ultra clean ci rendono più vulnerabili perché i nostri sistemi immunitari sono meno modellati e preparati per potenziali aggressioni esterne. Il corpo sa meno del suo ambiente e non è costruito in sintonia con lui, non fa la differenza tra i diversi attacchi, i batteri innocui batteri nocivi.

Ad esempio, prendere antibiotici in giovane età e automaticamente quando cresci, è un fattore aggravante perché disturba il corpo nella sua difesa naturale. Infatti, i bambini che sviluppano il raffreddore in giovane età sono meno allergici di altri, soprattutto perché il sistema immunitario impara a distinguere tra virus e allergeni innocui.

Questo ci porta alla seconda tesi, quella dell’evoluzione del nostro organismo e specialmente della nostra mucosa intestinale, che è diventata troppo sensibile e permeabile. Questo cambiamento è il risultato del nostro consumo più abbondante e abituale di droghe, antibiotici e cibi raffinati le cui fibre, vitamine, magnesio e minerali sono stati rimossi, rendendo le membrane mucose più sensibili. Ma anche lo stress, il sistema cerebrale e il sistema gastrico sono fortemente legati, possono avere un impatto su questa ultra sensibilità.

Infine, altre cause possono spiegare la prevalenza, è la tesi ambientale. L’habitat urbano li favorisce come inquinamento atmosferico la cui correlazione con il crescente numero di persone con rinite è dimostrata. Anche stili di vita moderni, con usi frequenti di nuovi prodotti, nuovi materiali nei nostri vestiti, prodotti per la casa e chimici, cibi nuovi e conservatori.

Fai attenzione, tuttavia, a non confondere le allergie con intolleranze o con sintomi simili alle allergie, ma non lo sono. Ad esempio, essere allergici al latte proibisce qualsiasi forma di latte, mentre l’intolleranza riguarda solo il lattosio e rende possibile consumare il latte in un’altra forma senza lattosio. In questo caso, è un deficit di enzima lattasi che consente l’assimilazione del lattosio responsabile della reazione e non una reazione del sistema immunitario e la produzione di anticorpi IgE, quindi non è un’allergia.

Allo stesso modo, possiamo reagire a certe cose senza essere allergici, ma sviluppare sintomi vicini all’allergia. Per esempio tabacco, freddo, alcuni cibi, ma anche fragola, crauti, salumi e cioccolato) e quindi sviluppare sintomi (naso che cola, formicolio e lacrime, disturbi gastrici) che ricorda reazioni allergiche senza di loro sia. È solo che le nostre mucose sono molto attive o addirittura iperattive.

La loro eccessiva permeabilità e il fatto che assorbiamo più elementi allergenici, e che questi più attraversano le mucose, li rende più attivi nel trattamento di questi elementi. In questo caso, la causa è spesso l’istamina, un’amina biogenica prodotta naturalmente nel nostro corpo e alcuni alimenti sono molto ricchi. Una concentrazione troppo elevata di questa sostanza provoca reazioni iperattive e allergie vicine, ma sono allergie false perché, ancora una volta, nessuna reazione di difesa immunitaria.